Una volta, questo era terreno agricolo iracheno. Ora è controllato da una milizia legata all’Iran

Appena a sud di Baghdad, l’espansione urbana lascia il posto a scorci di verde, con lussureggianti palmeti da datteri che costeggiano il fiume Eufrate. Ma pochi rischiano di trascorrervi molto tempo. Nemmeno l’esercito iracheno o i funzionari governativi si avventurano senza permesso.

Un contadino, Ali Hussein, che una volta viveva su quella terra, ha detto: “Non osiamo nemmeno chiedere se possiamo andarci”.

Questo perché questo tratto di Iraq – più del doppio delle dimensioni di San Francisco – è controllato da una milizia irachena collegata all’Iran e designata come gruppo terroristico dagli Stati Uniti. I membri della milizia presidiano i posti di blocco lungo i confini. E nonostante sia territorio sovrano iracheno, l’area, conosciuta come Jurf al-Nasr, funziona come una “base operativa avanzata per l’Iran”, secondo una delle dozzine di ufficiali dell’intelligence e militari occidentali e iracheni, diplomatici e altri intervistati per questo articolo.

La milizia che controlla il territorio, Khataib Hezbollah, lo usa per assemblare droni e aggiornare razzi, con parti in gran parte ottenute dall’Iran, dicono alti funzionari militari e di intelligence. Quelle armi sono state poi distribuite per essere utilizzate negli attacchi di gruppi legati all’Iran in tutto il Medio Oriente, mettendo questi ex terreni agricoli al centro dei timori che la guerra a Gaza potesse trasformarsi in un conflitto più ampio.

Tali attacchi sono aumentati notevolmente negli ultimi due mesi quando Khataib Hezbollah e altri gruppi legati all’Iran si sono mobilitati per mostrare la loro solidarietà ai palestinesi. Dal 17 ottobre, gruppi iracheni hanno lanciato almeno 82 attacchi con droni e razzi contro installazioni militari statunitensi solo in Iraq e Siria, ferendo 66 membri in servizio, secondo il Pentagono. Molti degli attacchi hanno utilizzato armi di Jurf al-Nasr, dicono fonti di intelligence regionali.

In risposta ai recenti attacchi, gli Stati Uniti bombardato due località a Jurf al-Nasr, uccidendo almeno otto membri di Khataib Hezbollah, secondo il Pentagono e il gruppo militante.

«Hanno razzi, mortai, missili», ha detto il generale Kenneth F. McKenzie Jr., andato in pensione l’anno scorso come capo del comando centrale degli Stati Uniti, che supervisiona le forze americane nella regione. Ha detto di non conoscere la portata esatta che le armi potrebbero avere ora, ma che nel 2020 – quando ha supervisionato l’ultimo sforzo degli Stati Uniti per ridurre l’arsenale – alcune potrebbero raggiungere obiettivi in ​​Giordania, Siria e Arabia Saudita.

Per decenni, la strategia dell’Iran in Medio Oriente è stata quella di fondere il potere militare informale attraverso gruppi armati locali con l’influenza politica sulle politiche governative. A partire dagli anni ’80, ha contribuito a finanziare e ad armare gli Hezbollah libanesi. Poi ha dato ampio sostegno militare e politico al regime siriano di Bashar al-Assad; aiuti militari agli Houthi nello Yemen settentrionale; e sostegno alle Brigate Al Ashtar in Bahrein.

Ma l’Iraq è il partner regionale più naturale dell’Iran, anche se i paesi un tempo hanno combattuto una lunga guerra l’uno contro l’altro.

Condividono un confine di 1.000 miglia; molte famiglie hanno parenti da entrambe le parti; e i legami economici sono forti. Inoltre, l’Iraq, come l’Iran, ha una maggioranza musulmana sciita e ospita alcuni dei più importanti santuari sciiti.

Dopo le elezioni irachene del 2021, i partiti politici legati all’Iran, la maggior parte con ali di miliziani, hanno rivendicato per la prima volta una quota di seggi parlamentari sufficientemente ampia da formare una coalizione di governo e selezionare il primo ministro, Mohammed Shia al-Sudani. Ciò lo ha legato politicamente a partiti le cui priorità sono spesso modellate tanto dalle preoccupazioni di Teheran quanto da quelle di Baghdad.

Per gli Stati Uniti, le conquiste politiche di Teheran a Baghdad e la requisizione di Jurf al-Nasr da parte di una milizia alleata di Teheran rappresentano un sorprendente capovolgimento di fortuna.

Negli ultimi 20 anni, i governi repubblicano e democratico hanno investito 1,79 trilioni di dollari per rovesciare Saddam Hussein, combattere Al Qaeda e unirsi alla lotta dell’Iraq contro lo Stato islamico, il tutto con l’obiettivo di creare stabilità e un alleato affidabile.

Invece, l’Iran, più che mai, ha “l’influenza predominante in Iraq oggi”, ha detto Hoshyar Zebari, che è stato ministro degli Esteri iracheno per 10 anni e ministro delle Finanze fino al 2016.

Gli interessi dell’Iran, ha detto, riguardano “ogni settore delle forze di sicurezza, dell’esercito, dei governatori provinciali”.

Dall’ascesa del regime teocratico iraniano nel 1979, l’Iran ha voluto cacciare le forze armate statunitensi dal Medio Oriente. Sajad Jiyad, analista iracheno e membro non residente del gruppo di ricerca Century International, ha affermato che quando il presidente George W. Bush ha descritto l’Iran come parte di un “Asse del Male”, sembrava che Washington stesse dicendo: “Sei il prossimo”. – Iraq, Iran, Corea del Nord, stiamo venendo a prendervi.”

Quindi l’Iran si è concentrato sulla creazione, addestramento e armamento delle milizie sciite irachene per attaccare le forze americane sul suolo iracheno. L’esercito americano ha affermato che solo tra il 2003 e il 2011, i gruppi sostenuti dall’Iran sono stati responsabili della morte di 603 soldati statunitensi in Iraq.

Uno di questi gruppi era Khataib Hezbollah, che fin dal suo inizio è stato strettamente legato alla Forza Qud iraniana, l’ala del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniana responsabile delle milizie per procura nella regione.

Nel 2011 l’esercito americano si ritirò dall’Iraq e nel 2014 lo Stato Islamico lo invase. L’esercito iracheno è crollato e il governo di Baghdad ha chiesto aiuto ai suoi amici – Iran e Stati Uniti.

L’Iran ha risposto rapidamente, inviando addestratori e armi e aiutando a reclutare una forza irachena volontaria – nota poi come Unità di mobilitazione popolare – per combattere gli invasori dell’Isis insieme alle milizie legate all’Iran, tra cui Khataib Hezbollah. Anche gli Stati Uniti inviarono aiuti, ma diverse settimane dopo.

Parte della battaglia ha avuto luogo a Jurf al-Nasr, allora noto come Jurf al-Sakhar, un punto di partenza dello Stato Islamico per gli attacchi ai vicini villaggi sciiti e ai pellegrini, milioni dei quali iraniani, che attraversavano l’area nel loro cammino verso gli sciiti. santuari di Karbala e Najaf.

“L’Iran ha sempre considerato la protezione di quei santuari una priorità”, ha detto Kareem al-Nuri, allora comandante del Corpo Badr, un altro gruppo armato legato all’Iran.

Jurf al-Nasr era anche strategicamente posizionato, con strade che portavano a ovest verso la Siria, una rotta per trasportare armi agli Hezbollah libanesi sostenuti dall’Iran.

Durante i combattimenti, Khataib Hezbollah ha svuotato tutti i villaggi sunniti, dicendo alla gente che sarebbero potuti tornare una volta che lo Stato islamico se ne fosse andato. Human Rights Watch e Amnesty International hanno documentato centinaia di sparizioni, principalmente di uomini sunniti, nell’area; il rapporto sui diritti umani del Dipartimento di Stato americano del 2019 afferma che 1.700 persone sono state detenute in una prigione segreta lì.

Una volta terminati i combattimenti, Jurf al-Nasr rimase sotto il controllo di Khataib Hezbollah.

Nel 2016, Khataib Hezbollah e altre milizie legate all’Iran, insieme alle Unità di mobilitazione popolare, sono diventate parte dell’apparato di sicurezza iracheno, con il Ministero del Tesoro iracheno che paga gli stipendi ai combattenti e fornisce armi, comprese le unità che hanno continuato ad attaccare le forze statunitensi.

Quest’anno, il primo ministro iracheno, Sudani, ha approvato un budget triennale con più soldi per i combattenti, che ora sono più di 150.000, per crescere almeno del 20% – «una grande espansione», secondo Michael Knights, un membro del Washington Institute for Near East Policy, che segue le forze armate irachene e i loro legami con l’Iran.

L’Iran nega di controllare i gruppi armati iracheni che hanno attaccato le forze statunitensi, ma in una recente intervista, il suo ministro degli Esteri, Hossein Amir-Abdollahian, ha affermato di considerare gli Stati Uniti complici della guerra di Israele a Gaza, aggiungendo che le milizie sono state create per combattere il terrorismo e l’occupazione.

Gli esperti affermano che le milizie irachene con i legami più stretti con l’Iran – come Khataib Hezbollah – hanno “una visione ideologica condivisa” con Teheran, come ha affermato Inna Rudolf, membro senior del Centro internazionale per lo studio della radicalizzazione di Londra. Questa visione accetta ampiamente la filosofia teocratica di governo dell’Iran e gli obiettivi più ampi di cacciare le truppe americane dall’Iraq e distruggere lo stato di Israele.

Oggi, un giornalista in visita nei pressi di Jurf al-Nasr non può non notare i segni schiaccianti della presenza di Khataib Hezbollah.

Sui posti di blocco sulle strade della zona sventola la bandiera del gruppo: bianca con il disegno di un pugno che stringe un Kalashnikov stilizzato che emerge da un globo e le parole «Partito di Dio» in calligrafia araba. La strada centrale nella vicina città di Mussayib, fuori dai checkpoint, è fiancheggiata da “bandiere dei martiri” con impresse foto di miliziani che hanno perso la vita combattendo in Iraq, e con grandi manifesti raffiguranti il ​​celebre leader iraniano della Forza Quds, il generale Qassim Suleimani. , assassinato dagli Stati Uniti nel 2020.

Nelle interviste a Mussayib e in altri villaggi, i residenti – che si sono rifiutati di fornire i loro nomi – hanno affermato di non sapere cosa stesse accadendo a Jurf al-Nasr, ma che le uniche persone che hanno attraversato i checkpoint erano agenti di Khataib Hezbollah e stranieri che parlavano arabo. con accento iraniano o libanese.

Diplomatici e ufficiali dell’intelligence occidentali e iracheni, tuttavia, dipingono un quadro di ciò che accade lì, a sole 40 miglia a sud di Baghdad.

Dicono che le guardie rivoluzionarie iraniane e gli istruttori libanesi di Hezbollah insegnano l’assemblaggio dei droni e come adattare i sistemi di guida di precisione su razzi e missili terra-aria. Per i razzi, ha detto il generale McKenzie, “i componenti aggiornati arriveranno dall’Iran”.

L’arsenale missilistico di Khataib Hezbollah è composto principalmente da razzi Katyusha convenzionali a corto raggio, ma include anche alcuni a lungo raggio, hanno affermato ex e attuali funzionari dell’intelligence e militari, tra cui il generale McKenzie, e i comandanti di Khataib Hezbollah.

Alcune armi vengono spedite in Siria, secondo i rapporti militari e di intelligence occidentali e mediorientali. Da lì possono essere trasportati in Russia o in Libano, ha detto un funzionario dell’intelligence della regione.

Non è chiaro, hanno detto diversi intervistati, se i razzi a lungo raggio siano interamente sotto il controllo dei gruppi armati iracheni o se le guardie rivoluzionarie iraniane controllino da vicino l’uso delle armi più sofisticate.

Secondo funzionari della sicurezza occidentali e iracheni, nonché persone vicine a Khataib Hezbollah, l’ex terreno agricolo comprende anche strutture per lo stoccaggio di armi, con quantità minori immagazzinate altrove in Iraq.

Israele è da tempo preoccupato per le crescenti scorte di armi di Khataib Hezbollah. Nel 2019 gli aerei da guerra israeliani hanno colpito un grande deposito di armi a Baghdad, in un’area parzialmente controllata da Khataib Hezbollah. Sia nel 2019 che nel 2022, Israele ha colpito i campi di Khataib Hezbollah in Siria, appena oltre il confine iracheno. Non ha mai colpito Jurf al-Nasr.

In un’intervista di settembre, il primo ministro al-Sudani non ha risposto alle domande sulle attività militari a Jurf al-Nasr. In ottobre ha condannato pubblicamente gli attacchi alle basi e ai campi statunitensi, ma le sue parole hanno avuto scarso effetto. Nell’intervista di settembre, tuttavia, ha affermato di sperare che le famiglie sfollate da Jurf al-Nasr possano tornare a casa.

Per quelle famiglie, il ritorno sembra un sogno sfuggente.

“Non abbiamo sentito nulla di quello che è successo alle nostre terre, alle nostre case”, ha detto Abu Arkan, 70 anni, sfollato nel 2014.

Poi ha fatto segno ad un giornalista di allontanarsi.

«Non voglio più parlare di questo argomento perché mi deprime», ha detto. “Nessuno viene da noi per riportarci indietro. Nessuno ci risarcisce per ciò che abbiamo perso. Siamo come fantasmi”.

Il contributo di Reporting è stato fornito da Eric Schmidt da Washington, Farnaz Fassihi Da New York, Falih Hassan da Baghdad, e Kamil Kakol da Erbil, Iraq.